osservazione

Vedere, guardare, osservare

[di Susanna Mattiangeli] La copertina distesa di Al museo, di Susanna Mattiangeli e Vessela Nikolova. Che differenza c’è tra vedere, guardare e osservare? Sono parole, si dirà, che registrano il passaggio dalla semplice percezione alla concentrazione, dallo sguardo casuale alla ricerca, all’... leggi tutto

Stare a vedere

[di Paolo Colombo] Come immagino per moltissimi altri, la quarantena è stata anche l’occasione forzata per cercare di fare ordine, nelle cose e nelle idee. Lavorando con e per i bambini, attraverso laboratori nelle scuole, percorsi di promozione alla lettura e in teatro, mi trovo oggi – come tutti... leggi tutto

Narrare con i sassi

[di Cecilia Bianchi*] Raccolgo sassi da tempi immemori e lo faccio soprattutto in riva al mare, alle sette del mattino, in mezzo a nuvole di vecchine coloratissime, raccoglitrici accanite di minuscoli tesori portati dalla marea. I sassi della riviera romagnola sono i miei preferiti. Di solito si... leggi tutto

La quarta dimensione delle cose.

Ovvero come è nato Paesaggi a caso, un gioco da fare in casa con la fotografia [di Melania Longo] Uno dei Paesaggi a caso di Alessandro Sanna, da una fotografia di Silvia Piazzoli. Nella Grammatica della Fantasia [Einaudi Ragazzi, 2012], Gianni Rodari racconta di come, per noi adulti, gli... leggi tutto

Animali in libertà

Gli animali in questo periodo sono diventati improvvisamente visibili. Forse era prima che non li vedevamo, o forse sono loro a essersi spinti fino alle nostre porte, incoraggiati dal silenzio, dallo spazio, dalla calma in cui è precipitato questo strano mondo di umani spaventati e prudenti. In... leggi tutto