Chi cerca trova (e in premio c'è un libro!)

S. Ruzzier, schizzo preparatorio per Una lettera per Leo.    

 

Sergio Ruzzier, come è dimostrato dai suoi molti libri per bambini, ama i volatili, o almeno i voltaili disegnati: chi lo conosce lo sa.

Nel settembre del 2013, su questo blog, a questa sua predilezione dedicammo un post a proposito del suo libro Gli uccelli, uscito alcuni anni fa con l'editore Despina.

Oggi parliamo di lui perché il suo primo libro a figure, per bambini, in italiano, Una lettera per Leo, con gran gioia lo abbiamo appena pubblicato noi Topi e lo trovate da settimana prossima in tutte le librerie (la ragione per cui lo definisco libro a figure la spiega Sergio qui). Ma la sorpresa non è finita: a breve, per i tipi dei Topi, seguiranno altri due Ruzzier-libri, attualmente in preparazione, e che vedranno la luce la prossima primavera e il prossimo autunno.

 

 

 

 

 

 

 

 

Il nuovo libro che presentiamo, di cui Sergio è autore e illustratore, è Una lettera per Leo. Anche qui, il protagonista, insieme a Leo, postino-furetto, è un uccello, o meglio, un pulcino troppo piccolo per affrontare una migrazione insieme ai suoi simili.

 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
S. Ruzzier, schizzi preparatori per Una lettera per Leo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leo e Cip, creature scompagnate messe insieme dal caso e dall'affetto, metteranno su, giorno dopo giorno, passo dopo passo, stagione dopo stagione, una minifamiglia, buffa ma perfettamente funzionante, fino al giorno in cui... Naturalmente questo non lo rivelerò, lasciandovi la sorpresa di scoprirlo, sfogliando il libro fino al suo epilogo. 

Adesso, invece, daremo la parola a Sergio Ruzzier che gentilmente ha accettato di rispondere a qualche nostra domanda su Una lettera per Leo, sulla sua storia e sui suoi mirabili personaggi.

 

Davvero è possibile spedire ossi con il servizio postale? Costa molto?

Dipende dal peso. Io per risparmiare spedisco solo ossibuchi.



Dovessimo mai spedire un pacco a un pesce, è obbligatoria la confezione anfibia?

Sì, bisogna sigillare per bene. A meno che non lo si stia mandando a un pesce fuor d'acqua.



Puoi rivelarci che libro sta leggendo la volpina seduta sul ramo a pagina 6?

Sta rileggendo il raccontino sull'incontro tra due amici d'infanzia in Goethe muore di Thomas Bernhard. Comunque è uno scoiattolo.

 

 

Quante uova mette nel suo famoso zabaglione, la signora Durelli?

Usa solo uova fresche di giornata e di sicura provenienza, per cui ne può mettere solo una al giorno. 

Come diavolo ci è finito Cip nella buca delle lettere?

Secondo me ci si è infilato dalla fessura la notte prima del ritrovamento, magari per ripararsi dalla pioggia, chissà.


Dove si comprano i grilli secchi di cui Leo fa sempre scorta?

In grilloseccheria.

Accidenti, eravamo convinti si comprassero in autogrill.

Come fa una cassetta per le lettere a diventare un lettino?

Non fatelo sapere troppo in giro: è un chiaro caso di interesse privato in pubblico ufficio.



A noi il fungo che ha trovato Cip sembra velenoso. Puoi avvertirlo?

Oh oh. Troppo tardi. 

Come mai nei tuoi libri ci sono sempre dei forzieri o delle cassapanche?

Sai che non ci avevo mai fatto caso? Chiederò al mio psicoanalista, se e quando l'avrò. Sono perfettamente consapevole di altri elementi ricorrenti nei miei disegni (uccelli, alberi spogli, porcheriole per terra, piastrelle, ecc.), ma forzieri e cassapanche mi erano sfuggite.

 

Ha mai provato a stare a dieta quel grasso gatto a righe che gioca a bocce?

Ha un problema ormonale, poverino.

Dove si svolge questa storia? A noi fa venire in mente quei posti che si vedono sempre dietro le spalle dei santi in certi vecchissimi affreschi. 

Proprio lì! Adoro quei dipinti e li saccheggio senza pudore.




Se ci dai l'indirizzo, poi possiamo scrivere anche noi a Cip e a Leo?

Per ragioni di privacy non posso pubblicare gli indirizzi, ma se scrivete a me faccio volentieri da tramite.


Bene, grazie caro Sergio. Ora che tutto è chiaro, possiamo rivelare ai nostri lettori che in questo libro è nascosto un omaggio a un grande illustratore americano che è stato anche tuo maestro: niente meno che Maurice Sendak. 

Quindi cari lettori del blog dei Topi, VI PROPONIAMO UN GIOCO.

Cosa dovete fare?

A partire da oggi, avete un mese per trovare, fra le pagine della storia di Cip e Leo, l'omaggio di Sergio Ruzzier a Maurice Sendak. 

Quanto tempe avete? 

Un mese, fino al 2 ottobre.

E poi che succede?

Il 2 ottobre potrete provare a dare la risposta giusta nei commenti al nostro post del giorno. Il primo che darà la risposta giusta avrà in regalo un libro a scelta dal catalogo dei Topipittori. Il post sarà un'intervista a Sergio Ruzzier dedicata al periodo di studio trascorso con Maurice Sendak.

 

Per concludere, sappiate che Sergio Ruzzier sarà presente a Sarzana, ospite del Festival della Mente, sabato 5 settembre, ore 11.15, e domenica 6, ore 10, per presentare Una lettera per Leo in anteprima assoluta, insieme a un laboratorio dal titolo Do you cheep English?, presso Fortezza Firmafede, Sala Ragazzi.



 Al lavoro di Sergio Ruzzier Le figure dei libri ha dedicato un post che potete leggere qui. In occasione dell'uscita dell'edizione americana di Una lettera per Leo, Seven Impossible Things Before Breakfast ha pubblicato una lunga intervista a Sergio che trovate qui.