24.5.1944

Le lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana sono documenti di straordinaria intensità e importanza. Le trovate in diverse pubblicazioni, fra cui: Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana, Einaudi, a cura di di Malvezzi e Pirelli, e Muoio innocente. Lettere di caduti della Resistenza a Roma, Mursia, a cura di Avagliano e Le Moli.

Oggi vi proponiamo due lettere per celebrare l'anniversario della Liberazione. Sono state scritte da Fabrizio Vassalli, fucilato il 25 aprile 1944.

Carissima Amelia,
sono al braccio italiano ed ho consegnato la roba che ti daranno.
Sii buona e pensa che ti ho voluto tanto bene. La roba verrà a te: tu sostieni i miei. Te li affido e di' loro che mi perdonino il grande dolore che reco loro.
Sono sereno e mi dolgo solo di non aver visto i nostri entrare a Roma.
Spero che finanziariamente non resterai male e che con la pensione ed altro che ti verrà da me non debba essere dipendente da nessuno né lavorare per vivere. Ciò mi era stato promesso.
Risposati pure e ricordami. Sii però ugualmente una figlia per i miei.
Rammentati della Bice che tanto era affezionata ai miei ed a me.
Ti bacio con tutta l'anima.
Fabrizio tuo

Carissimi papone e mammina
perdonatemi il dolore che vi reco che è veramente una angoscia per me. Pensate che tanti sono morti per la Patria ed io sono uno di quelli. La mia coscienza è a posto: ho fatto tutto il mio dovere e ne sono fiero. Questo deve essere per voi vero conforto.
Vi abbraccio con tutta l'anima
Fabrizio vostro
La spilletta regalatela a Bice e così un altro ricordino anche ai miei nipotini.
Saluto e abbraccio tutti, Enrico, Gina, ecc.
Non fate storie per il cadavere od altro. Dove mi buttano mi buttano. Quando potrete mettete l'inserzione sui giornali.
Viva l'Italia.